Sei qui:

Yamaha alla 45a edizione del Tokyo Motor Show

Yamaha alla 45a edizione del Tokyo Motor Show

Yamaha è presente alla 45a edizione del Tokyo Motor Show, appuntamento biennale dedicato all’innovazione nel mondo dei motori ed ospitato dal Paese del Sol Levante.

Organizzato dalla Japan Automobile Manufacturers Association, l’evento ha luogo presso gli storici spazi del Tokyo Big Sight a partire da mercoledì 25 ottobre, per terminare domenica 5 Novembre. Perfettamente in linea con il tema principale del celebre Salone, la Casa di Iwata è presente con uno stand che celebra l’innovazione tecnica e stilistica del brand nipponico.

Presso lo spazio “Yamaha Future Garage: entra in sintonia con il futuro” verrà infatti esposta una serie di 20 modelli, tra prototipi, concept e mezzi di produzione.  Durante questa attesa edizione, i visitatori potranno osservare da vicino il mondo della mobilità della Casa di Iwata, forte della sua costante crescita. Alla base dell’esposizione trovano dunque posto esemplari nati dalla filosofia produttiva “Jin-Ki Kanno” come gli esclusivi prototipi legati al mondo delle biciclette a pedalata assistita, degli scooter, delle moto e dei mezzi che adottano l’innovativa tecnologia Leaning Multi-Wheel (LMW) ed anche un’automobile.

Ci sarà spazio anche per la scienza tecnologica di frontiera, con la presentazione di un prototipo che suggerisce nuove forme di mobilità individuale e grazie al quale si entra in piena sintonia con il mezzo. Un concept che catalizzerà la curiosità degli appassionati di tutto il mondo sarà il famoso robot umanoide in grado di guidare una moto, nella sua Ver.2: MOTOBOT è infatti un progetto che unisce due diversi tipi di tecnologie firmate Yamaha ed applicate alla robotica e all’universo delle due ruote.

 

Yamaha alla 45a edizione del Tokyo Motor Show

 

Questo robot in grado di guidare una moto in modo autonomo combina le tecnologie più recenti nell’ambito della robotica e del motociclismo ed ha lo scopo di scoprire i territori inesplorati della ricerca e dello sviluppo. Per determinare la modalità di guida, il progetto ha adottato il punto di vista di un pilota senza però modificare in modo sostanziale il mezzo. Ad oggi, MOTOBOT è in grado di guidare da solo e a velocità elevata all’interno di un circuito. L’obiettivo del 2017 era quello di superare il traguardo dei 200 km/h in pista e di sfidare il nove volte Campione del Mondo della MotoGP Valentino Rossi in una serrata bagarre sui giri più veloci. Le complesse tecnologie alla base del concept MOTOBOT e le esperienze acquisite nel suo sviluppo verranno poi applicate alla produzione per aggiungere ulteriore valore ai modelli tre diapason già esistenti e per continuare ad esaminare nuovi ambiti legati alla mobilità.

Lo stand della Casa di Iwata evoca dunque l’immagine di un garage in cui le persone ed i prodotti, la mobilità e gli strumenti musicali entrano in sintonia per connettere il presente al futuro, una caratteristica unica del brand.

Leggi anche:

Lascia un Commento

INFORMATIVA SULLA NEWSLETTER DI MOTORI.NET

Stai visualizzando questo messaggio perchè il tuo indirizzo risulta presente nel nostro sistema.
Ho letto e acconsento l’informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 2 dell’informativa sulla privacy

Conferma



Se desideri rimuoverti dalla newsletter, puoi utilizzare questo link: clicca qui.